Background Image

Alla scoperta dei sette colli di Cagliari

Cagliari è una città dalle mille sorprese. Anche qui, come Roma, Lisbona, Praga e Istanbul cagliaritani e turisti possono ammirare sette colli calcarei in altrettanti quartieri cittadini: Castello, Tuvumannu/Tuvixeddu, Monte Claro, Monte Urpinu, Colle di Bonaria, Colle di San Michele, Calamosca/Sella del Diavolo.

Colle di Bonaria

In quest’area sorge il monumentale cimitero di Bonaria. Un nome che la dice tutta: gli aragonesi lo chiamarono in questo modo per via della presenza di aria buona. In un fianco del Parco di Bonaria troverete anche una nicchia archeologica, testimonianze di varie necropoli.

Colle di Castello

Si tratta del quartiere storico più antico di Cagliari, quello che caratterizza la città sia dal punto di vista storico che architettonico. Sorge in posizione preminente, su un colle calcareo, a circa cento metri sul livello del mare. I suoi confini sono ben scanditi dalle numerose torri di epoca pisana, epoca in il colle fu fortificato da un complesso sistema di bastioni e torri delle quali quella dell’Elefante ad Ovest, dell’Aquila ad Est e di San Pancrazio a Nord.

Colle di Buoncammino

Conosciuto ai più per il carcere che si erge e che prende il nome dall’omonimo colle. Ma sulla parte opposta della sommità del colle non si può non visitare l’Arsenale con il Museo Archeologico Nazionale.

Colle di Monte Urpinu

Un bellissimo parco con tanta vegetazione e ombra, stradine e animali. Monte Urpinu è più di un colle, è un parco al centro di Cagliari, frequentato da tantissimi cagliaritani. Da raggiungere in pochi minuti con l’autobus o a piedi. Una meravigliosa area verde adatta per lunghe passeggiate, per lo sport e per il tempo libero.

Colle di San Michele

Un panorama eccezionale. Dalla sommità del colle di San Michele potrete ammirare la città di Cagliari, il suo mare e i suoi stagni. Il castello medievale, di grande rilevanza storica, ha un’invidiabile posizione panoramica. svetta, in ottime condizioni, ed è contornato da un parco. Un tempo era isolato, oggi fa parte del quartiere di is Mirrionis.

Colle di Sant’Elia

Il promontorio di S. Elia si affaccia sul mare ed è caratterizzato da una serie sconnessa di rocce calcaree, di grotte naturali e falesie biancheggianti, divide in due il Golfo degli Angeli. Agli amanti delle escursioni regala inaspettati scorci della città di Cagliari. Può essere visitata la grotta di Sant’Elia, il commando militare DI.CA.T., la batteria C135 della 2° guerra mondiale con le sue postazioni e i tunnel sotterranei di collegamento, il monumentale forte sabaudo di Sant’Ignazio del XVIII sec., la torre spagnola de “Su Perdusemini” e tanto altro ancora.

Sella del Diavolo

La Sella del Diavolo è una perla naturalistica incastonata nel Golfo di Cagliari, una delle cartoline più significative della città di Cagliari. Deve il suo particolare nome alla sua particolare forma che la leggenda attribuisce alla caduta di Lucifero sulla sua sommità dopo la cacciata dal Paradiso. Una particolare conformazione geomorfologica che la rende un simbolo della città e, soprattutto della spiaggia cagliaritana del Poetto.

ROBERTO DESSY

robertodessy@gmail.com

Nessun Commento

Inserisci un commento

Password reset link will be sent to your email